Islam, Sufismo e Sufi
Islam, Sufismo e Sufi
 
 

I Principi dottrinari

Il Profeta Muhammed

I 99 nomi di Allah

  1. Al-Fâtiha
  2. Al Baqara
  3. Al-'Imrân
  4. An-Nisâ'
  5. Mâ'ida
  6. Al-An'âm
  7. Al-A'râf
  8. Al-Anfâl
  9. Tauba
  10. Yûnus
  11. Hûd
  12. Yûsuf
  13. Ar-Ra'd
  14. Ibrâhîm
  15. Al-Higr
  16. An-Nahl
  17. Isrâ'
  18. Kahf
  19. Maryam
  20. Tâ-Hâ
  21. Al Anbiyyâ
  22. Al-Hajj
  23. Mu'minûn
  24. An-Nûr
  25. Al Furqân
  26. Ash Shu'arâ'
  27. An-Naml
  28. Al-Qasas
  29. Al 'Ankabut
  30. Ar-Rum
  31. Luqman
  32. As-Sajda
  33. Al-Ahzab
  34. Saba'
  35. Fatir
  36. Ya Sin
  37. As Saffat
  38. Sad
  39. Az Zumar
  40. Al-Ghafir
  41. Fussilat
  42. Ash Shura
  43. Az Zukhruf
  44. Ad Dukhan
  45. Al Jathiya
  46. Al-'Ahqaf
  47. Muhammad
  48. Al-Fath
  49. Al Hujurat
  50. Qaf
  51. Adh Dhariyat
  52. At-Tur
  53. An-Najm
  54. Al Qamar
  55. Ar Rahman
  56. Al Waqi'a
  57. Al-Hadid

 

 
 

Sura LVI

Al-Wâqi'a

L'Evento

Pre-Eg. n. 46 (a parte i verss. 81-82). Di 96 versetti. Il nome della sura deriva dal vers. 1.

In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso.

1. Quando accadrà l’Evento,

2. la cui venuta nessuno potrà negare,

3. abbasserà [qualcuno e altri] innalzerà!

4. Quando la terra sarà agitata da una scossa,

5. e le montagne sbriciolate

6. saranno polvere dispersa,

7. sarete allora [divisi] in tre gruppi:

8. i compagni della destra [1] ..., e chi sono i compagni della destra?

9. i compagni della sinistra [2] ..., e chi sono i compagni della sinistra?

10. i primi [3] ..., sono davvero i primi!

11. Saranno i ravvicinati [ad Allah],

12. nei Giardini delle Delizie,

13. molti tra gli antichi [4]

14. pochi tra i recenti,

15. su divani rivestiti d’oro,

16. sdraiati gli uni di fronte agli altri.

17. Vagheranno tra loro fanciulli di eterna giovinezza,

18. [recanti] coppe, brocche e calici di bevanda sorgiva,

19. che non darà mal di testa né ebbrezza;

20. e i frutti che sceglieranno,

21. e le carni d’uccello che desidereranno.

22. E [ci saranno colà] le fanciulle dai grandi occhi neri,

23. simili a perle nascoste,

24. compenso per quel che avranno fatto.

25. Colà non sentiranno né vaniloqui né oscenità,

26. ma solo «Pace, Pace».

27. E i compagni della destra; chi sono i compagni della destra?

28. [Saranno] tra i loti senza spine,

29. e banani dai caschi ben colmi [5] ,

30. tra ombra costante,

31. e acqua corrente,

32. e frutti abbondanti,

33. inesauribili e non proibiti,

34. su letti elevati.

35. Le abbiamo create perfettamente,

36. le abbiamo fatte vergini,

37. amabili e coetanee,

38. per i compagni della destra.

39. Molti tra gli antichi,

40. e molti tra gli ultimi venuti.

41. E i compagni della sinistra, chi sono i compagni della sinistra?

42. [saranno esposti a] un vento bruciante, all’acqua bollente,

43. all’ombra di un fumo nero

44. non fresca, non piacevole.

45. Già furono genti agiate,

46. e persistevano nel grande peccato [6]

47. e dicevano: «Dopo che saremo morti e ridotti in polvere ed ossa, saremo forse resuscitati?

48. E [così pure] i nostri avi?».

49. Di’: «In verità sia i primi che gli ultimi

50. saranno riuniti nel convegno del Giorno stabilito».

51. Quindi in verità voi traviati, voi negatori,

52. mangerete dall’albero Zaqqum [7] ,

53. ve ne riempirete il ventre,

54. e ci berrete sopra acqua bollente,

55. berrete come cammelli morenti di sete.

56. Ecco cosa sarà offerto loro nel Giorno del Giudizio.

57. Siamo Noi che vi abbiamo creato. Perché non prestate fede?

58. Non riflettete su quello che eiaculate:

59. siete forse voi a crearlo o siamo Noi il Creatore?

60. Abbiamo decretato per voi la morte e non potremo essere sopravanzati [8]

61. nel sostituirvi con altri simili a voi e nel farvi rinascere [in forme] che ancora non conoscete [9] .

62. Già conoscete la prima creazione! Perché non ve ne ricordate?

63. Non riflettete su quello che coltivate:

64. siete voi a seminare o siamo Noi i Seminatori?

65. Certamente se volessimo ne faremmo paglia secca e allora stupireste [e direste]:

66. «Siamo oberati di debiti,

67. del tutto diseredati!».

68. Non riflettete sull’acqua che bevete:

69. siete forse voi a farla scendere dalla nuvola o siamo Noi che la facciamo scendere?

70. Se volessimo la renderemmo salmastra: perché mai non siete riconoscenti?

71. Non riflettete sul fuoco che ottenete sfregando,

72. siete stati voi a far crescere l’albero [che lo alimenta] o siamo stati Noi?

73. Ne abbiamo fatto un monito e un’utilità per i viaggiatori del deserto [10] .

74. Glorifica dunque il Nome del tuo Signore, il Supremo!

75. Lo giuro per il declino delle stelle

76. - e questo è giuramento solenne, se lo sapeste -

77. che questo è in verità un Corano nobilissimo,

78. [contenuto] in un Libro custodito [11]

79. che solo i puri toccano [12] .

80. È una Rivelazione del Signore dei mondi.

81. Di questo discorso vorreste sospettare?

82. La vostra riconoscenza sarà tacciarlo di menzogna?

83. Perché mai, quando [l’anima] risale alla gola

84. sotto i vostri occhi,

85. e Noi gli siamo più vicini, ma non ve ne accorgete,

86. perché mai, se non dovete essere giudicati

87. e se siete sinceri, non la ricondurrete [13] ?

88. Se [il morente] fa parte dei ravvicinati [ad Allah],

89. avrà riposo, profumi e un Giardino di delizie.

90. Se è stato uno dei compagni della destra,

91. [gli sarà detto:] «Pace da parte dei compagni della destra!».

92. Ma se è stato uno di quelli che tacciavano di menzogna e che si erano traviati,

93. sarà nell’acqua bollente,

94. e precipitato nella Fornace [14] !

95. Questa è la certezza assoluta.

96. Rendi dunque gloria al Nome del tuo Signore, il Supremo!

 



[1] «i compagni della destra»: i timorati di Allah.

[2] «i compagni della sinistra»: i miscredenti, i colpevoli.

[3] «i primi»: i profeti, primi musulmani, i ravvicinati.

[4] «molti tra gli antichi»: tra i ravvicinati ad Allah (gloria a Lui l’Altissimo) molti dei primi musulmani.

[5] Oppure «filari d’acacie».

[6] «grande peccato»: lo shirk, l’associare ad Allah altre divinità.

[7] «l’albero Zaqqum»: albero dell’Inferno, i cui frutti amarissimi e disgustosi hanno forma di teste di dèmoni.

[8] Nessuno potrà anticipare o procrastinare i termini di Allah (gloria a Lui l’Altissimo).

[9] La rinascita in forme sconosciute avverrà nel Giorno della Resurrezione e non in questa vita. Nella dottrina islamica non c’è nessuno spazio per teorie di reincarnazione su questa terra o di metempsicosi.

[10] Nel fuoco c’è il memento del castigo infernale e delia possibilità di accenderlo sfregando un mezzo per ottenere luce e calore in tutte le condizioni di viaggio.

[11] «in un Libro custodito»: «fi kitâbin maknûn», allusione all’archetipo celeste del Corano.

Basandosi su questo versetto alcuni giuristi hanno stabilito che senza lo stato di purezza rituale è vietato toccare una copia del Corano (inteso come volume). Secondo l'esegesi classica «i puri» sono gli angeli che possono accedere all’essenza dell’Archetipo della rivelazione coranica custodito nei cieli e di cui si parla al versetto precedente (Tabari XXVII, 205-206).

[13] «non la ricondurrete [nel corpo]»:non impediretela morte.

[14] «la Fornace», uno dei nomi dell’Inferno.

 

Tratto da:
“Il Corano”
(la traduzione dei suoi significati in lingua italiana)
A cura di Hamza Roberto Piccardo

Prefazione di Franco Cardini e introduzione di Pino Blasone
Edizioni Newton & Compton su licenza Al Hikma, pp.610, € 3.90
La più diffusa e completa traduzione dei significati del Corano, la prima realizzata dai musulmani in Italia per tutti gli italofoni.

Un’opera arricchita da un’imponente apparato di note (oltre 2.800) un indice delle materie, un indice dei nomi e 12 appendici tematiche: dai 5 pilastri dell’Islam alla traduzione dei Nomi di Allah, dal concetto di jihad a alla proibizione dell’interesse sul denaro.

Ordina su Libreriaislamica.net