Islam, Sufismo e Sufi
Islam, Sufismo e Sufi
 
 

I Principi dottrinari

Il Profeta Muhammed

I 99 nomi di Allah

  1. Al-Fâtiha
  2. Al Baqara
  3. Al-'Imrân
  4. An-Nisâ'
  5. Mâ'ida
  6. Al-An'âm
  7. Al-A'râf
  8. Al-Anfâl
  9. Tauba
  10. Yûnus
  11. Hûd
  12. Yûsuf
  13. Ar-Ra'd
  14. Ibrâhîm
  15. Al-Higr
  16. An-Nahl
  17. Isrâ'
  18. Kahf
  19. Maryam
  20. Tâ-Hâ
  21. Al Anbiyyâ
  22. Al-Hajj
  23. Mu'minûn
  24. An-Nûr
  25. Al Furqân
  26. Ash Shu'arâ'
  27. An-Naml
  28. Al-Qasas
  29. Al 'Ankabut
  30. Ar-Rum
  31. Luqman
  32. As-Sajda
  33. Al-Ahzab
  34. Saba'
  35. Fatir
  36. Ya Sin
  37. As Saffat
  38. Sad
  39. Az Zumar
  40. Al-Ghafir
  41. Fussilat
  42. Ash Shura
  43. Az Zukhruf
  44. Ad Dukhan
  45. Al Jathiya
  46. Al-'Ahqaf
  47. Muhammad
  48. Al-Fath
  49. Al Hujurat
  50. Qaf
  51. Adh Dhariyat
  52. At-Tur
  53. An-Najm
  54. Al Qamar
  55. Ar Rahman
  56. Al Waqi'a
  57. Al-Hadid

 

 
 

Sura LXXXVIII

Al-Ghâshiya

(L'Avvolgente)

Pre-Eg. N°68. Di 26 versetti Il nome della sura deriva dal versetto 1.

In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso.

1. Ti è giunta notizia dell’Avvolgente [1] ?

2. Ci saranno in quel Giorno volti umiliati,

3. di spossati e afflitti,

4. che bruceranno nel Fuoco ardente,

5. e saranno abbeverati da una fonte bollente.

6. Per essi non ci sarà altro cibo che il darì‘ [2] ,

7. che non nutre e non placa la fame.

8. Ci saranno in quel Giorno volti lieti,

9. soddisfatti delle loro opere,

10. in un Giardino elevato,

11. in cui non s’odono discorsi vani.

12. Colà vi è una fonte che scorre,

13. colà alti divani,

14. e coppe poste [a portata di mano]

15. e cuscini assestati

16. e tappeti distesi.

17. Non riflettono [3] sui cammelli e su come sono stati creati,

18. sul cielo e come è stato elevato,

19. sulle montagne e come sono state infisse [4] ,

20. sulla terra e come è stata distesa?

21. Ammonisci dunque, ché tu altro non sei che un ammonitore

22. e non hai autorità alcuna su di loro [5] .

23. Quanto a chi volge le spalle e non crede,

24. Allah lo castigherà con il castigo più grande.

25. In verità a Noi ritorneranno,

26. e allora spetterà a Noi chieder loro conto [delle loro azioni].



[1] «l’Avvolgente»:senza alcun dubbio è l’ora del Giudizio. Il termine «al-ghâshiya» che abbiamo tradotto con «avvolgente» significa coprire, avvolgere, attaccare il nemico da ogni lato.

[2] «darì‘»: pianta spinosa e amarissima tipica dei deserti.

[3] «Non considerano [quelli che non credono]...»

[4] «infisse le montagne»: vedi nota a xvi,5.

[5] «non hai autorità alcuna su di loro» nel senso di: «non hai nessun potere per costringere chi non crede a farlo». Per quanto riguarda il concetto di autorità letteralmente inteso, si consideri che la sura è meccana (pre-Egira) e che Muhammad (pace e benedizioni su di lui) a cui si rivolge il Sacro testo, non era ancora a capo di una comunità organizzata di credenti.

 

Tratto da:
“Il Corano”
(la traduzione dei suoi significati in lingua italiana)
A cura di Hamza Roberto Piccardo

Prefazione di Franco Cardini e introduzione di Pino Blasone
Edizioni Newton & Compton su licenza Al Hikma, pp.610, € 3.90
La più diffusa e completa traduzione dei significati del Corano, la prima realizzata dai musulmani in Italia per tutti gli italofoni.

Un’opera arricchita da un’imponente apparato di note (oltre 2.800) un indice delle materie, un indice dei nomi e 12 appendici tematiche: dai 5 pilastri dell’Islam alla traduzione dei Nomi di Allah, dal concetto di jihad a alla proibizione dell’interesse sul denaro.

Ordina su Libreriaislamica.net