Islam, Sufismo e Sufi
Islam, Sufismo e Sufi
 
 

L'ISLAM

I Princìpi dottrinari

Il Profeta Muhammed

Il Sacro Corano

I 99 nomi di Allah

I detti del Profeta

La moschea

La preghiera

Il Pellegrinaggio

Segreti del digiuno

Per le donne

Orario preghiere

Mappa del sito

 

XVII

Prostrazioni da fare durante la lettura del Corano


Raccontò Abd Allah:
Il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - recitando alla Mecca la Sura "della stella" (LII), si prostrò,
e con lui compirono la prostrazione tutti gli altri.
Solo un vecchio non si prostrò, e, presa una manciata o di ghiaia o di terra, non ricordo bene, se la pose sulla fronte dicendo:
A me basta questo.
Bene! Io qnesto vecchio lo vidi tempo dopo morire ucciso come un infedele.



Il figlio di Abbas - sia soddisfatto Iddio di ambedue - disse:
La Sura "della lettera sad" non è tra quelle che comportano la prostrazione.
Io però ho visto il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - prostrarsi mentre la recitava.



Chi pensa che Iddio - Egli è grande e potente - non abbia reso obbligatorie le prostrazioni.
Domandarono a Imran figlio di Husayn: Che dire di chi ode una recitazione che comporta una prostrazione, e non è seduto cogli altri ad ascoltare?, Egli rispose:
Che dire allora se si sedesse proprio in quel momento?, Pare quindi che egli non reputasse obbligatoria la prostrazione. Salman disse: « Non siamo venuti per questo. Utman - sia soddisfatto Iddio di lui - disse: «La prostrazione è solo per chi è venuto ad asoltare. Al-Zuhri disse: Compite la prostrazione solo se siete in istato di purità. Se, quando dovete prostrarvi, vi trovate in un abitato, rivolgetevi verso la qiblah; se state cavalcando, non ce n'è bisogno, va bene la direzione verso cui è rivolto il vostro viso. Al-Sa'ib figlio di Yazid non si prostrava per i versetti che narrano le antiche storie.



Abu Bakr figlio di Abu Mulaykah, citando una tradizione risalente a Rabi'ah figlio di Abd Allah figlio di al-Hudayr al Taymi, uno dei migliori tradizionisti per quanto riguarda Umar figlio di al-Khattab, raccontò:
Umar figlio di aI-Khattab - sia soddisfatto Iddio di lui -, recitando un venerdi dal minbar la Sura « dell'ape » (XVI), arrivò al versetto della prostrazione: scese, si prostrò, e come lui si prostrarono i fedeli.
Ii venerdi seguente recitò ancora la stessa Sura; ma, arrivato alla prostrazione, disse:
Cari miei, eccoci alle prostrazioni. Chi compie la prostrazione, bene gli viene. Chi non la compie, non commette peccato.
E quella volta Umar - sia soddisfatto Iddio di lui - non compì la prostrazione.



Nafi', citando il figlio di Umar - sia soddisfatto Iddio di ambedue - aggiunse:
Iddio non ha imposto la prostrazione: è facoltativa.


Il Sacro Corano | Il Profeta | Discorsi | Ascolta lo dhikr | Bibliografia | Link
Foto | Appuntamenti | Download | La preghiera |I segni dell'Ora |


IL SUFISMO