Islam, Sufismo e Sufi
Islam, Sufismo e Sufi
 
 

L'ISLAM

I Princìpi dottrinari

Il Profeta Muhammed

Il Sacro Corano

I 99 nomi di Allah

I detti del Profeta

La moschea

La preghiera

Il Pellegrinaggio

Segreti del digiuno

Per le donne

Orario preghiere

Mappa del sito

 

XLIII

La richiesta di un mutuo, il pagamento dei debiti, ...


Gabir figlio di Abd Allah - sia soddisfatto Iddio di ambedue- raccontò
Un giono ch'ero in razzia col Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute -,questi mi disse:
Che dici del tuo cammello? Me lo vendi?
Sì, risposi e glielo vendetti.
Poi, quando fu entrato in Medina, gli consegnai il cammello ed egli me ne pagò il prezzo.



'Aisha - sia soddisfatto Iddio di lei - riferì Che il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - aveva acquistato da un Giudeo del cibo a termine, e gli aveva dato come pegno la sua corazza di ferro.



Hudayfah - sia soddisfatto Iddio di lui - disse di aver sentito il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - raccontare:
Un uomo morì, e fu interrogato sulla sua vita. Egli rispose:
Ero un commerciante: accordavo una dilazione ai benestanti e riducevo il debito a chi era in difficoltà.
E fu perdonato.



Wabb figlio di Kaysan riferì che Gabir figlio di Abd Allah - sia soddisfatto Iddio di ambedue -
gli aveva raccontato che suo padre, morendo, gli aveva lasciato un, debito di trenta carichi di cammello con un Giudeo.
Gabir chiese a costui di accordargli una dilazione, ma questi rifiutò; andò allora a parlare con l'Inviatodi Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - affinché intercedesse per lui.
L'inviato di Dio - Iddio lo benedca e gli dia eterna salute - andò dal Giudeo invitandolo a prendere come saldo i datteri deI palmeto di Gabir; ma l'altro rifiutò anche questa proposta.
A questo punto l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eternà salute - entrò nel palmeto e si mise a cammipare tra le palme. Poi disse a Gabir:
Fa la raccolta, e pagagli ciò che gli devi.
Non appena l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - se ne fu tornato a casa, Gabir cominciò a raccogliere i datteri: non solo ne mise insieme i trenta carichi per pagare il Giudeo, ma gliene avanzarono diciassette.
Si recò allora presso l'Inviato di Dio - iddio lo benedica e gli dia eterna salute - per metterlo al corrente di quanto era avvenuto, e lo trovò che compiva la preghiera del pomeriggio.
Quando ebbe terminato la preghiera, Gabir lo informò di quanto era avanzato del raccolto, ed egli disse:
Racconta tutto ciò al figlio di al-Khattab.
Gabir andò così da Umar e gli raccontò tutto.
Alla fine Umar gli disse:
Mio caro, io lo sapevo che nel momento stesso in cui l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - si fosse messo a caimninare nel tuo painteto, questo sarebbe stato benedetto.



Gabir figlio di Abd Allah - sia soddisfatto Iddio di ambedue - disse:
Un uomo aveva affrancato un suo schiavo con la clausola del post-mortem
Il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - disse:
Chi lo compra da me?
Indi, poiché l'aveva comprato Nu'aym figlio di Abd Allah, ne prese il prezzo e lo consegnò al padrone.



- Egli è l' Altissimo -:. . .Però Iddio non ama la corruzione (II, 201) e.Poiché Dio non fa riuscire l'opera dei corruttori (X, 81). E la parola di Lui...Forse la tua preghiera ordina a te che noi abbandoniamo ciò che adoravano i nostri padri e che non facciamo dei nostri averi l'uso che noi vogliamo? (XI, 89); e Non date, o tutori, agli stolti la sostanza... (IV, 4). L'interdizione a questo proposito e la proibizione della frode.



Abd Allah figlio di Dinar riferì d'aver sentito il figlio di Umar - sia soddisfatto Iddio di ambedue - dire:
Un uomo disse al Profeta - Iddio lo benedica e gii dia eterna salute -:
Tutti mi incitano a frodare nei miei commerci.
Quando t'accingi ai tuoi commerci gli rispose dì:
Niente imbrogli!
E l'uomo fece esattamente secondo la sua parola.


Il Sacro Corano | Il Profeta | Discorsi | Ascolta lo dhikr | Bibliografia | Link
Foto | Appuntamenti | Download | La preghiera |I segni dell'Ora |


IL SUFISMO