Islam, Sufismo e Sufi
Islam, Sufismo e Sufi
 
 

L'ISLAM

I Princìpi dottrinari

Il Profeta Muhammed

Il Sacro Corano

I 99 nomi di Allah

I detti del Profeta

La moschea

La preghiera

Il Pellegrinaggio

Segreti del digiuno

Per le donne

Orario preghiere

Mappa del sito

 

XLIV

Le vertenze


Abu Hurayrah - sia soddisfatto Iddio di lui - raccontò:
Due uomini, un Musulmano e un Giudeo, si misero a litigare.
A un certo punto il Musulmano disse:
Per Colui che ha scelto Muhammed fra tutte le creature!
E il Giudeo, allora:
Per colui che ha scelto Mosè fra tutte le creature!
A queste parole, il Musulmano alzò la mano e schìaffeggiò il Giudeo.
Questi andò allora dal Pràfeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - e gli raccontò tutto quello che era accaduto fra lui e il Musulmano.
Il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - mandò a chiamare il Musulmano e lo interrogò su quanto era successo.
Quando fu bene informato, disse:
Non mi ponete al di sopra di Mosè,.. Perché, vedete, il giorno della resurrezione tutti gli uomini perderanno i sensi, e perderò i sensi anch'io con loro.
Io mi risveglierà per primo, ed ecco che Mosè sarà lì, pieno di energia, a lato del trono supremo...
Non so se in precedenza egli avrà perso i sensi insieme con gli altri e si sarà risvegliato prima di me, oppure se Iddio avrà fatto un'eccezione con lui.



Abd Allah - sia soddisfatto Iddio di lui - raccontò che l'inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - aveva detto:
Chi s'impegna con giuramento, sapendo di mentire, per impadronirsi dei beni d'un Musulmano, ebbene, quando incontrerà Iddio lo troverà adirato contro di lui! Udendo ciò, al As'at esclamò:
Per Dio! Ma queste parole si riferiscono a me! Ricordo che c'era fra me e un Giudeo una controversia a proposito di un terreno, che quell'altro negava fosse mio.
Allora lo portai davanti al Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute -. e l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - mi disse:
Hai una prova evidente?
No! risposi.
Giura! disse allora al Giudeo.
Ma... intervenni io o Inviato di Dio, lasci che giuri e che si porti via la mia roba?
In quel momento Iddio - Egli è l'Altissimo - fece scendere il versetto:
in vero. quelli che acquistano, in cambio del patto di Dio e dei loro giuramenti, i beni mondani...(III, 71).



Ka'b - sia soddisfatto Iddio di lui - raccontò che un giorno, nella moschea, aveva chiesto al figlio di Abu Hadrad di sistemare un debito che questi aveva con lui.
Senza accorgersi avevano alzto la voce tanto che l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute -,
che si trovava in casa li aveva sentiti. Egli si era avvicinato a loro e, sollevando la cortina della sua camera, aveva chiamato:
Ehilà, Ka'b!
Ai tuoi comandi, o Inviato di Dio!
Togli dal tuo credito questo. - E gli aveva fatto un gesto che stava per la metà.
Bell'è fatto, o Inviato di Dio! - aveva risposto Ka'b.
E tu - aveva ripreso il Profeta - paga il tuo debito!



Raccontò 'Aiscah - sia soddisfatto Iddio di lei -:
Abd figlio di Zama'ah e Sa'd figlio di Abu Waqqàs 3si recarono assieme dal Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - per un litigo a proposito del figlio della schiava di Zama'ah.
O Inviato di Dio, cominciò Sa'd mio fratello, quando andai a trovarlo prima che morisse, mi raccomandò:
Prenditi cura del figlio della schiava di Zama'ah. Tienilo con te, perché è mio figlio.
È mio fratello disse Abd figlio di Zama'ah figlio della schiava di mio padre... È stato generato sul letto di mio padre.
Il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - vista l'evidente somiglianza, disse: Spetta a te, Abd figlio di Zama'ah. Il nato è legato al letto in cui è nato. E tu, Sawdah, copriti il viso davanti a lui.



Abu Hurayrah - sia soddisfatto Iddio di lui - raccontò:
L'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - aveva inviato uno squadrone di cavalleria verso il Nagd.
Quando lo squadrone tornò, portò con sé un uomo del Banu Hanifah' di nome Tumamah figlio di Utal, sayyid della gente della Yamamah. Come arrivarono, lo legarono ad una colonna della moschea; ma l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute -, uscito dai suoi alloggi, s'avvicinò a lui e gli domandò:
Che ti è successo, Tumamah?
Per me, caro Muhammed, va tutto bene!
Secondo il racconto, a questo punto il Profeta disse:
Lasciate andare Tumamah!


Il Sacro Corano | Il Profeta | Discorsi | Ascolta lo dhikr | Bibliografia | Link
Foto | Appuntamenti | Download | La preghiera |I segni dell'Ora |


IL SUFISMO