Islam, Sufismo e Sufi
Islam, Sufismo e Sufi
 
 

L'ISLAM

I Princìpi dottrinari

Il Profeta Muhammed

Il Sacro Corano

I 99 nomi di Allah

I detti del Profeta

La moschea

La preghiera

Il Pellegrinaggio

Segreti del digiuno

Per le donne

Orario preghiere

Mappa del sito

 

LXXVII

Le vesti


Narrò Salim figlio di Abd Allah, da suo padre - sia soddisfatto Iddio di lui - che il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - aveva detto:
Chi trascina il suo vestito vanitosamente, Dio non lo guarderà nel Giorno della Resurrezione. Gli disse Abu Bakr:
Se una delle estremità del mio vestito si allenta e lo trascino per terra, questo avverrà anche a me?
Rispose il Profeta:
Tu non sei uno di quelli che lo fanno per vanità.



Narrò il figlio di Umar - sia soddisfatto Iddio di lui -:
Un tale disse un giorno:
O Inviato di Dio, come si veste il pellegrino in istato di consacrazione?
Rispose a Profeta:
Non indossa la tunica, né i calzoni, né il burnus, nè le sottoscarpe salvo che tu non trovi sandali o che la calzatura non arrivi alla caviglia.



Narrò Gabir figlio di Abd Allah - sia soddisfatto Iddio di ambedue -:
Il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - arrivò quando Abd Alah figlio di Ubayy era stato già deposto nella tomba, e ordinò che fosse tirato fuori e messo inginocchio. Soffiò su di lui un poco della sua saliva e lo rivestì della sua tunica, Dio sa perché.



Narrò Abd Allah figlio di Umar:
Quando mori Abd Allahh figlio dl Ubayy, suo figlio andò dall'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - e gli disse:
Dammi la tua tunica perché io gliela metta come sudario, esegui per lui la preghiera e impetragli il perdono di Dio.
Il Profeta gli diede la tunica e gli disse:
Quando avrai finito con lui, chiamaci.
Così fecero e il Profeta venne per pregare sul morto, ma Umar lo prese da parte e gli disse:
Dio non ha forse proibito che si eseguisca la preghiera sugl'ipocriti? Dio ha detto: Che tu implori il perdono per essi o non lo implori, poco importa; se tu lo implorassi anche settanta volte, Dio non perdonerebbe loro: ciò, perché essi non credono in Dio, né nell'Apestolo, e Dio non dirige gli empii.(IX, 81). A quel punto fu rivelato il versetto: Non pregare affatto per qualcuno di essi che sia morto, nè ti fermare sulla tua tomba, poiché essi non hanno creduto in Dio e nel suo Apostolo, e morirono in isiato di empietà (IX, 85)Il Profeta allora, smise la preghiera per essi.



Narrò Abu Hurayrah che l'Inviato di Dio - Iddio Io benedica e gli dia eterna salute - aveva detto: L'avaro e il caritatevole somigliano a due uomini che portino giubbe di ferro, obbligati a tenere le mani in alto sul petto.
Ogni volta che il caritatevole fa un'elemosina, la sua giubba scende fino alla punta delle sue dita e ne sono cancellate le tracce. Invece l'avaro, ogni volta che gli viene In mente l'elemosina, la giubba diventa più stretta e non si sposta in nessun punto.
Diceva Abu Hurayrah:
Ho visto l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - toccarsi la giubba dicendo:
Così!,col gesto di chi tenta di allargarla e non vi riesce.



Narrò Uqbah figlio di Amir - sia soddisfatto Iddio di lui-:
L'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - ricevette in regalo un farrug di seta; lo indossò ed esegui la preghira.. Poi se lo tolse di dosso energicamente, come se gli desse fastidio, dicendo:
Questo, non sta bene a chi sente il timor di Dio.



Narrò il figlio di Abbas che il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - aveva detto:
Chi non ha un izar porti pure i calzoni, e chi non trova sandali, si metta le sottoscarpe.



Narrò Anas - sia soddisfatto Iddio di lui - che il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - entrò alla Mecca, nell'anno della sua conquista, con l'elmo in testa.



Narrò Anas figlio di Malik:
Camminavo coll'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - che portava una burdah di Nagran, con un bordo pesante. Un Beduino lo raggiunse e lo tirò per la burdah con uno strattone tale che gli scopri una spalla e rimase su di essa il segno della stoffa. Gli disse:
Senti, Muhammed, dà ordine che mi diano qualche cosa del danaro di Dio che tieni tu.
L'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - si voltò dalla sua parte, scoppiò in una risata e ordinò che gli facessero un regalo.



Narrò Sa'd:
Durante la battaglia di Uhud ho visto alla sinistra e alla destra del Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - due uomini vestiti di bianco, che non avevo veduto prima e che non rividi mai più.



Narrò Abu Darr - sia soddisfatto Iddio di lui - Entrai dal Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute -:
era vestito di bianco e dormiva. Tornai più tardi e si era svegliato. Mi disse:
Qualsiasi servo di Dio che dice non v'è dio fuorché Iddio , quando muore, va in paradiso,
Io dissi:
Anche adultero? Anche ladro?
E lui:
Anche adultero. Anche ladro.
E io: Anche adultero. Anche ladro.
E lui: Anche adultero. Anche ladro a dispetto di Abu Darr.



Narrò Abu Utman an-Nahdi:
Mentre eravamo nell'Azerbaigian con Utbah figlio di Farqad, arrivò una lettera di Umar.
Diceva che l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - aveva proibito la seta, fuorché così - e mostrò due dita l'uno accanto all'altro -. Capimmo che voleva indicare la larghezza delle strisce laterali di seta delle pezze di cotone o lino.



Narrò al-Bara -. sia soddisfatto Iddio di lui -:
Fu regalato al Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - un vestito di seta e noi cominciammo a toccarlo e ad ammirarlo. Il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute- ci disse:
Voi ammirate questo?
Si!
I fazzoletti di Sa'd figlio di Mu'ad, in Paradiso, sono migliori di questo.



Narrò Anas:
Il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - permise ad al-Zubayr e a Abd al-Rahman figlio di Awf di indossare seta perché avevano la scabbia.



Narrò Alì figlio di Abu Talib, - sia soddisfatto Iddio di lui -:
Il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - mi fece indossare un vestito di seta col quale uscii di casa. Ma vidi sul suo viso la collera e allora divisi quel vestito fra le mie donne.



Narrò il figlio di Abbas - sia soddisfatto Iddio di lui-
Desideravo interrogare Umar sulle due donne che si misero d'accordo contro il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute -,
ma aspettai un anno, perché mi metteva soggezione. Un giorno, durante una fermata nel deserto, Umar entrò in un boschetto di arak, e quando ne uscì lo interrogai, e mi rispose:
Erano 'Aisha e Hafsah. Poi continuò:
Al tempo dell'ignoranza non davamo nessuna importanza alle donne, ma quando venne l'Islam e Iddio parlò di loro, vedemmo che questo implicava i loro diritti su di noi, senza però che le Iasciassirno entrare negli affari nostri.
Fra me e mia moglie vi fu una discussione, ed essa mi trattò con durezza. Io le dissi: Sta al tuo posto . Ed essa rplicò:
Tu dici questo a me, e tua figlia maltratta il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute -!
Andai da Hafsah e le dissi: Sta attenta a non offendere Iddio e il Suo Inviato. Avevo cominciato da lei, poi andai da Umm Salamah e la informai. Rispose:
Umar, mi meraviglio di te! Ti sei immischiato nelle cose nostre, adesso non ti resta che inserirti fra l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - e le sue mogli! E ripeté queste parole.
C'era un tale degli Ansar; quando lui era lontano dall'Inviato di Dio - Iddio lo benedica o gli dia eterna salute - ed io ero presente, lo tenevo informato di quel che avveniva, e quando ero assente io, lui informava me. Tutti quelli che circondavano l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - nei paesi vicini erano ben disposti versa di lui; noi temevamo soltanto che il Re di Gassan ci attaccasse. Un giorno, improvvisamente, comparve quell'Ansar e mi disse, a bruciapelo:
È successo un fattaccio!
E io:
Che cosa è stato? È forse arrivato il Re di gassan? Notizia ancora più grave: l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - ha ripudiato tutte le sue mogli.
Accorsi e trovai che da tutte le loro stanze si udiva piangere.
il Profeta- Iddio Io benedica e gli dia eterna salute - era andato in una sua campagna e c'era un servo davanti alla porta Chiesi di entrare; me lo permise, ed ecco il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - disteso sopra una stuoia che gli aveva lasciato un'impronta sul fianco. Posava la testa sopra un cuscino di cuoio imbottito di fibre di palma. Appesi alla parete, vari attrezzi e corteccie di acacia, Io lo informai di quel che avevo detto a Hafsab e a Umm Salamah e della risposta di quest'ultitna, e l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - rise. Restò ventinove giorni lassù, poi ridiscese a Medina.



Narrò Anas:
Il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - vietò agli uomini di far uso dello zafferano.



Anas, interrogato se il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - eseguisse la preghiera portando i sandali, disse di sì.



Narrò Abu Hurayrah - sia soddisfatto Iddio di lui - che l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - aveva detto:
Quando v'infilate I sandali, cominciate da quello destro e, quando ve li togliete, cominciate dal sinistro, in modo che quello di destra sia il primo indossato e l'ultimo tolto.



Anas, interrogato se il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - si tingesse i capelli, disse:
Aveva pochissimi capelli bianchi.



Narrò Abu Hurayrah - sia soddisfatto Iddio di lui - che il Profeta -Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - aveva detto:
Gli Ebrei e i Cristiani non si tingono i capelli; voi perciò fate il contrario.



Raccontò 'Aisha:
Ho profumato il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - con le mie mani perché si trovava in istato di consacrazione, e l'ho profumato a Mina prima che eseguisse l'ifadah.



Narrò Abu Hurayràh - sia soddisfatto Iddio di lui - che il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - aveva detto:
Ogni opera del figlio di Adamo appartiene a lui, meno il digiuno che in verità è mio e sarà premiato da me. Il tanfo della bocca di chi digiuna è più grato a Dio del profumo del muschio.



Disse Abd Allah figlio di Mas'ud:
Iddio maledice le donne che per farsi belle allargano lo spazio fra i denti incisivi, eseguiscono o subiscono tatuaggi, si depilano le sopracciglia, perché alterano quel che Iddio - Egli è l'Altissimo - ha creato. Perché non dovrei io maledire chi fu maledetto dal Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute -, e a proposito del quale dice il Libro di Dio:
Però quello che vi avrà dato l'Apostolo, prendetelo (LIX,7)



Narrò Muslim Eravamo con Masruq in casa di Yasar figlio di Numayr.
Vide delle inunagini nel vestibolo e disse:
Mi ha detto Abd Allah che aveva sentito dire dal Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute -:
Nel Giorno del Giudizio i più duramente puniti al cospetto di Dio saranno i facitori d'immagini.



Narrò Salim, da suo padre:
Gabriele aveva dato appuntamento al Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - e poi non era venuto.
Il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - se ne affliggeva; poi uscì, lo incontrò e si lamentò con lui. Gabriele rispose:
Noi non entriamo nelle case dove c'è un'immagine o un cane.



Torna all'indice


Il Sacro Corano | Il Profeta | Discorsi | Ascolta lo dhikr | Bibliografia | Link
Foto | Appuntamenti | Download | La preghiera |I segni dell'Ora |


IL SUFISMO