Islam, Sufismo e Sufi
Islam, Sufismo e Sufi
 
 

L'ISLAM

I Princìpi dottrinari

Il Profeta Muhammed

Il Sacro Corano

I 99 nomi di Allah

I detti del Profeta

La moschea

La preghiera

Il Pellegrinaggio

Segreti del digiuno

Per le donne

Orario preghiere

Mappa del sito

 

XC

Le astuzie legali


Anas raccontò che Abu Bakr gli aveva scritto le regole della decima che l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - aveva fissato, stabilendo che non si dovevano riunire parti separate, nè separare le parti riunite in un insieme per timore di pagare troppa elemosina.



Al-Hasan e Abd Allah, figli di Muhammad figlio di Alì, udirono dal loro padre quest'episodio:
Fu detto a Alì - sia soddisfatto Iddio di lui - che il figlio di Abbas non disapprovava il matrimonio temporaneo. Egli ribatté allora che il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - l'aveva vietato neila giornata di Haybar, quando aveva proibito anche di mangiar carne di asini domestici.
Altri dicono:
Se anche si riesce con un' astuzia legale a stipulare un matrimonio temporaneo, il matrimonio è viziato.
Altri dicono:
Il matrimonio è valido ma la clausola è nulla.



Urwah narrava d'avere interrogato 'Aisha su quel versetto del Corano: Se tessete di non agire con equità verso gli orfani, allora, fra le donne che vi piacciono...(IV, 3). 'Aisha rispose:
é l'orfana in potere del tutore, il quale desidera i suoi beni e la sua bellezza, e la vuole sposare dandole una dote inferiore a quella che usa per le donne come lei. Invece è proibito sposare le donne che si trovano in questa situazione senza versar loro la dote completa.
In seguito molti domandarono il parere dell'Inviato di Dio Iddio lo benedica e gli dia eterna salute -, e venne allora rivelato il versetto:
Ti chiederanno una decisione riguardo alle donne; dì loro; Dio vi ha istruiti riguardo ad esse e a ciò che viene recitato a voi del Libro, riguardo alle orfane, alle quali voi non date ciò che è prescritto per esse, mentre desiderate vivamente di maritarle, e riguardo ai ragazzi deboli; vi prescrive inoltre di assistere gli orfani, in tutta equità (IV, 126).



Umm Salamah raccontò che il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - aveva detto:
Io non sono che un uomo, ma voi volete che io mi pronunci sulle vostre, vertenze. Può darsi che una delle parti abbia comunicato la sua tesi meglio dell'altra, e che io sentenzii in suo favore secondo quel che ho udito. Colui ch'io avessi favorito a scapito di suo fratello, non ne approfitti, e io gli toglierò una parte d'inferno.



Narrò 'Aisha - sia soddisfatto Iddio di lei -:
L'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - disse:
La vergine viene consultata.
Io gli dissi:
La vergine si vergogna.
E lui:
Manifesta il suo consenso col silenzio.
Ma dice un giurista che se un tale s'innamora di una schiava orfana o vergine, e questa lo rifiuta: se egli ricorre ad un'astuzia legale e si presenta con due testimoni falsi, dichiarando che l'ha già sposata e che essa è pubere e consenziente; se il giudice accetta la falsa testimonianza; allora, benché il marito sia a conoscenza della falsità di tutto ciò, gli è permesso consumare il matrimpnio.



Torna all'indice


Il Sacro Corano | Il Profeta | Discorsi | Ascolta lo dhikr | Bibliografia | Link
Foto | Appuntamenti | Download | La preghiera |I segni dell'Ora |


IL SUFISMO