Islam, Sufismo e Sufi
Islam, Sufismo e Sufi
 
 

L'ISLAM

I Princìpi dottrinari

Il Profeta Muhammed

Il Sacro Corano

I 99 nomi di Allah

I detti del Profeta

La moschea

La preghiera

Il Pellegrinaggio

Segreti del digiuno

Per le donne

Orario preghiere

Mappa del sito

 

XCVII

Il libro dell'unità di Dio


Narrò Abu Ma'bad, liberto del figlio di Abbas, che quest'ultimo aveva detto:
Quando il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - mandò Mu'ad neiio Yemen, gli disse:
Tu ti presenti ad un popolo di gente del Libro: la prima cosa che li inviterai a fare sia dunque che proclamino l'unità di Dio - Egli è l'Altissimo -. Quando abbiano riconosciuto questo, annuncia che Dio ordina loro, nella loro giornata e nella loro nottata, cinque preghiere. Quando hanno fatto la preghiera, annuncia che Dio ordina la decima dei loro beni, da prendersi sulle loro sostanse e da restituirsi ai loro poveri. Se acconsentono, preleva la decima, ma astienti dagli oggetti di valore della gente.



Narrò Mu'ad figlio di Gabal:
Il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - mi domandò:
Lo sai tu, Mu'ad, qual è il diritto di Dio sui suoi servi?
Meglio di me lo sanno Iddio e il Suo Inviato.
Che Lo adorino e non Gli associno nessuno. E sai quai è il diritto loro su Dio?
Meglio di me lo sanno Iddio e il Suo Inviato.
Che Dio non li castighi.



Narrò Abu Sa'id al-Hudri:
Un uomo udì un altro recitare ripetutamente Dì: Egli, Dio, è uno(CXII, i).
La mattina dopo, andò a raccontare questo al Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - come se quell'uomo avesse fatto ben poco. Ma l'inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - disse:
Giuro per Colui che tiene in mano l'anima mia, quella Sura vale un terzo del Corano.



Narrò 'Aisha:
Una volta il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - mandò un uomo a capo di una spedizione militare. Egli, nella preghiera, recitava ai compagni il Corano e terminava con la Sura che inizia: Dì: Egli, Dio, è uno (CXII, 1).
Al ritorno riferirono questo al Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute -, che disse:
Domandategli perché faceva così. L'interrogato rispose:
Mi è caro recitarla perché contiene la qualità del Clemente.
Il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - esclamò: Ditegli che Dio lo ama.



Narrò Garir figlio di Abd Allah che l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - aveva detto:
Dio non avrà misericordia di chi non ha misericordia degli uomini.



Narrò Usamah figlio di Zayd:
Eravamo col Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - quando venne l'incaricato di una delle sue figlie a chiamarlo: un suo bambino era moribondo. Disse il Profeta - Iddio lo benedica e ~li dia eterna salute -:
Torna da lei e dille che a Dio spetta dare e togliere e che presso di Lui ogni cosa ha un termine stabilito e ordinale la sopportazione: certo Dio la ricompenserà.
La figlia però rimandò l'incaricato, scongiurando il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - di venire. Egli si mosse, insieme con Sa'd figlio di Ubadah e Mu'ad figlio di Gabal; gli fu mostrato il bambino che rantolava quasi fosse soffocato dentro un otre. Le lacrime traboccavano dagli occhi del Profeta.
Gli disse Sa'd:
O Inviato di Dio, che cos'è questo pianto?
Rispose:
Questa è la misericordia che Iddio ha posto nel cuore dei suoi servi misericordiosi: Iddio avrà misericordia soltanto dei misericordiosi.



Narrò Abd Allah:
Compivamo la preghiera dietro il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - e dicevamo:
A Dio la pace.
Il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - disse:
Iddio è Lui la pace, quindi dite:
I saluti a Dio, le preghiere e le cose buone. La pace sia su di te, o Profeta, la misericordia di Dio e le Sue benedizioni. La pace sia su di noi e sui buoni servi di Dio. Attesto che non v'è dio fuorché Iddio e attesto che Muhammed è il Suo servo e il Suo Inviato.



Narrò Abu Hurayrah che il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - aveva detto:
Nel Giorno della Resurrezione Iddio afferrerà la terra e arrotolerà il cielo nella sua destra, poi dirà:
Io sono il Re.
Dove stanno i re della terra?



Narrò Gabir figlio di Abd Allah al-Salami:
L'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - insegnava ai credenti a chiedere a Dio la scelta della decisione migliore, in tutti i loro casi, così come insegnava loro le Sure del Corano, dicendo:
Quando uno di voi è preoccupato per qualche cosa, compia una preghiera di due prostrazioni oltre a quella obbligatoria, e poi dica:
Mio Dio, Ti prego di scegliere per me con la Tua scienza e di decretare con la Tua autorità. Io chiedo alla Tua grazia; Tu puoi e io non posso; Tu sai e io non so; Tu conosci gli arcani. Mio Dio, se Tu sai che questa cosa, e quì deve precisarla con esattezza, è un bene per me, dal principio alla fine, o per la mia religione, o per la mia vita materiale, destinamela e rendimela agevole e benedicimela. Mio Dio, se sai che sarebbe un male per me quanto a religione, vita materiale ed esito del caso mio, distoglimene, e destinami il bene dovunque sia, e fa ch'io ne sia soddisfatto.



Narrò Abu Hurayrah che l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - aveva detto:
Iddio ha novantanove nomi: cento meno uno. Chi li enumera va in Paradiso.



Narrò Abu Hurayrah che il Profeta - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - aveva detto:
Quando Dio creò il creato scrisse nel Suo Libro, scrivendo su Sé stesso e ponendo lo scritto presso di Sé sul trono:
In verità, la Mia misericordia supera la Mia collera.



Narrò al-Mugirah:
Sa'd figlio di Ubadah disse una volta:
Se vedessi un uomo in compagnia di mia moglie, certo gli darei, con la mia spada, non una piattonata, ma un colpo di punta.
L'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - lo venne a sapere e disse:
Voi vi meravigliate della gelosia di Sa'd? Perdìo, io sono più geloso di lui, e Dio è più geloso di me! In seguito alla gelosia di Dio sono vietate le scostumatezze, tanto quelle palesi quanto quelle occulte. Ma nessuno più di Dio ama scusare e per questo ha mandato annunciatori e ammonitori. Nessuno ama la lode quanto Dio: per questo Dio ha promesso il Paradiso.



Narrò Garir: L'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute si presentò a noi nella notte del plenilunio, e disse:
Nel Giorno della Resurrezione vedrete il vostro Signore come vedete questa luna, senza confusione.



Narrò Alì figlio di Husayn che Husayn figlio di Alì - la pace sia su ambedue - gli aveva narrato, da Alì figlio di AbuTalib:
Una sera l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - bussò da lui e da Fatimah, figlia dell'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute -, e disse loro:
Non fate la preghiera?



Raccontava Alì:
Io gli dissi: Inviato di Dio, noi stiamo nelle mani di Dio. Se Dio ci vuoi mettere in moto, lo farà. Quando gli dissi questo, l'Inviato di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - se ne andò senza rispondere e, mentre ci voltava le spalle, lo udii che diceva dandosi un colpo sulla coscia:
L'uomo ama, più di tutto, di cavillare(XVIII, 52).



Narrò Abu Hurayrah:
Il Profeta di Dio Salomone - la pace sia su di lui - aveva sessanta donne, e disse:
Stanotte farò il giro delle mie donne e certo ognuna di esse concepirà e partorirà un cavaliere che combatterà sulla strada di Dio.
Fece il giro delle donne, e appena una partorì un maschio.
Il Profeta di Dio - Iddio lo benedica e gli dia eterna salute - osservò:
Se Salomone avesse detto Dio volendo, certamente tutte avrebbero concepito e partorito un cavaliere che combattesse sulla strada di Dio.



Torna all'indice


Il Sacro Corano | Il Profeta | Discorsi | Ascolta lo dhikr | Bibliografia | Link
Foto | Appuntamenti | Download | La preghiera |I segni dell'Ora |


IL SUFISMO