Islam, Sufismo e Sufi
Islam, Sufismo e Sufi
 
 

L'ISLAM

I Princìpi dottrinari

Il Profeta Muhammed

Il Sacro Corano

I 99 nomi di Allah

I detti del Profeta

La moschea

La preghiera

Il Pellegrinaggio

Segreti del digiuno

Per le donne

Orario preghiere

Mappa del sito

 

L'uomo che aveva coscienza della morte

C'era una volta un derviscio che si imbarcò per una traversata. Quando i passeggeri salirono a bordo e lo notarono, come accade generalmente in questi casi andarono da lui a turno per chiedergli consiglio. Il derviscio si limitò a dire a ognuno la stessa cosa: egli dava l'impressione di ripetere una di quelle formule sulle quali tutti i dervisci fissano talvolta la loro attenzione.
La formula era: "Cercate di essere coscienti della morte, finché non saprete che cos'è la morte". Pochi furono i viaggiatori che si sentirono particolarmente attratti da quell'esortazione.
Poco dopo si scatenò una terribile tempesta. I marinai e i passeggeri caddero in ginocchio implorando Dio di salvare la nave. Passavano dalle grida di terrore, credendosi perduti, alla frenetica speranza che qualcuno sarebbe venuto a soccorrerli, il derviscio, invece, era calmo e pensieroso e non reagiva affatto all'agitazione e alle scene di panico che si svolgevano intorno a lui.
Alla fine la burrasca si acquietò, il mare e il cielo si calmarono e i passeggeri si resero allora conto di quanto il derviscio fosse rimasto sereno durante la tempesta.
Uno di loro gli chiese: "Non ti sei reso conto che durante quella terribile tempesta eravamo tutti a un passo dalla morte?".
"Ah, sì! certo", rispose il derviscio. "Sapevo che in mare era sempre così! Ma mi rendevo anche conto - e ci ho spesso riflettuto quand'ero a terra - che nel normale corso degli eventi siamo ancora più vicini alla morte".

* * *

Questa storia è di Bayazid di Bistam (a sud del Mar Caspio). Bayazid fu uno dei più grandi Sufi dell'antichità e morì verso la fine del IX secolo.
Suo nonno era zoroastriano; aveva studiato presso una scuola esoterica dell'India. Dato che il suo maestro, Abu-Alì di Sind, non conosceva perfettamente i riti esteriori dell'Isiam, alcuni specialisti hanno concluso che Abu-Alì fosse indù e che, di fatto, Bayazid avesse studiato i metodi mistici indiani. Nessuna autorità responsabile sufi concorda con questo punto di vista. Tra i seguaci di Bayazid vi sono i membri dell'Ordine Bistamia.


Il Sacro Corano | Il Profeta | Discorsi | Ascolta lo dhikr | Bibliografia | Link
Foto | Appuntamenti | Download | La preghiera |I segni dell'Ora |


IL SUFISMO