Islam, Sufismo e Sufi
Islam, Sufismo e Sufi
 
 

L'ISLAM

I Princìpi dottrinari

Il Profeta Muhammed

Il Sacro Corano

I 99 nomi di Allah

I detti del Profeta

La moschea

La preghiera

Il Pellegrinaggio

Segreti del digiuno

Per le donne

Orario preghiere

Mappa del sito

 

Abu Ahmad as-Sughuri
Possa Allah Santificare la Sua Anima

"La 'Spada della Religione' è colui che entra in battaglia
per amore della religione e i cui sforzi sono totalmente per Dio.
Discerne ciò che è corretto da ciò che è scorretto, e il vero dal falso.

Ma, prima, egli combatte sé stesso e rettifica i suoi tratti del carattere. Poiché il Profeta disse, ‘Comincia da te stesso!’
"
Rumi, Fihi ma fihi

Egli era l’Erede della Conoscenza dei Profeti nel suo tempo, l’Imam dei Qutbs, e il Consigliere del Regno della Guida. Dissetò la sua sete spirituale attingendo dalla fonte del Sapere Celeste e raggiunse uno stadio di Annullamento all’età di trent’anni. Era la vetta dei Santi. Egli fu indirizzato dal Regno Celeste come il Khalif di questo Regno sulla Terra. Nella sua persona erano combinate entrambe le conoscenze, e acquisì e afferrò ogni beneficio della Taraqat e dell’aqaqat. Divenne il centro di ogni Ispirazione e Rivelazione Celeste. Era un Segreto trai Segreti di  Allah ed un Miracolo trai Miracoli di Allah. Era l’Unico Stendardo della Conoscenza della Spiritualità e del Sapere della Penna. Era come la Stella Polare che dà la direzione e illumina la strada alla gente del suo tempo. Fece rivivere i cuori morti e indossava il mantello dei grandi santi. Non lasciò nemmeno un atomo di questo mondo privato del supporto del suo potere spirituale.

Nacque a Sughur, un paese del Daghestan il 3 di Rajab, mercoledì, nel 1207 H/il 1789 DC.

Rimase sul trono del Qutb per quaranta anni. La sua fama si diffuse ovunque. Allenò i suoi seguaci e li innalzò per mezzo del proprio potere spirituale. Se qualcuno compariva al suo cospetto, anche per solo un’ora, veniva innalzato allo Stato di Ascolto e nello Stato di Visione. Egli disse: "Non dipendo dallo sforzo del murid, ma dalla luce che Allah mi ha dato per quel murid. Lo ho innalzato per mezzo di quella luce, perché so che non è possibile per nessuno raggiungere con il solo sforzo personale lo Stato dello Svelamento. Questo è il significato dell’invocazione del Profeta C:\Documents and Settings\sabina cini\Documenti\biografie sufi\Abu Ahmad as-Sughuri_file\salla.gif, 'Oh Allah, non lasciarmi al mio ego, nemmeno per un batter d’occhio.'"

Ecco alcuni suoi detti:

"Allah ha fornito ad ogni servitore ciò di cui ha bisogno. Chiunque non prenda consapevolezza delle provviste quotidiane che Allah gli ha elargito, sarà considerato ignorante nella Nostra Tariqat."

"Coloro che ottengono la Realtà di questa Taraqat sono molto pochi. Con il potere di questa Realtà si possono raggiungere tutti i santi di questo mondo, e con il Potere Divino conferito quando ottieni la Realtà di questa Tariqat, puoi raggiungere tutti gli angeli, uno per uno."

"La luce spirituale che Allah vi dà sulla vostra via in questo Ordine è il Falò che illumina la Via alla Sua Presenza Divina senza timore."

"In questa taraqat, distinguere qualcos’altro da Allah è miscredenza."

"Il Sufi è colui che ha lasciato il mondo alle spalle, l’Aldilà alle spalle, la Divina Presenza alle spalle e che sussiste in Lui Soltanto."

Abu Ahmad as-Sughuri trascorse la maggior parte della vita in ritiro. Amava il ritiro, gli piaceva stare lontano dalla gente. Per questa ragione era abbastanza sereno quando venne messo dai Russi agli arresti domiciliari, e questo accadde molte volte.

"Un giorno ero in ritiro e la stanza era piena di un profumo meraviglioso. Non sollevai gli occhi, ma restai a meditare nel mio ritiro. Quindi una spada spirituale, che brillava di una luce più forte del sole, si calò sulla mia testa. Mi interrogavo su cosa fosse ciò che sentivo scendere dentro di me. Ebbi una visione in cui il Profeta C:\Documents and Settings\sabina cini\Documenti\biografie sufi\Abu Ahmad as-Sughuri_file\salla.gif mi avvolgeva con il suo spirito, ed io entrai in lui e vidi me stesso in lui."

"Una volta entrai alla presenza del mio Sheikh, Sayyidina Jamaluddin al-Ghumuqi al-Husayni. Egli disse, 'Figlio mio, hai ottenuto lo stato più elevato della Perfezione del Muhammadan' Dissi, 'Oh mio Sheikh, vorrei raggiungere il lignaggio del vostro stato.' Non appena dissi ciò, lo vidi scomparire dal suo posto e apparire in me, e vidi me stesso scomparire e apparire al suo posto con le sue sembianze."

Dal suo Potere Miracoloso
Gli venne donato molti poteri miracolosi senza precedenti trai santi. Dallo Svelare del celato in questo  Universo, al dono dalla Conoscenza Spirituale Divina dagli stati delle persone dopo la loro morte, la vastità di ciò era così ampia che nessun libro è in grado di comprenderne una descrizione.
Si dice che quando era giovane, era solito vedere il nome di Allah scritto con la luce tra cielo e terra. Questo generò in lui una grande modestia e umiltà. Nessuno fu in grado di fotografarlo. Quando ci avevano provato, la macchina fotografica si era sempre rotta. Ogni volta che avevano provato a disegnare le sue sembianze su carta, o la penna non scriveva, o il giorno dopo il disegno scompariva. Egli disse, "Non voglio essere  conosciuto in questo mondo dopo la morte, perché non desidero nessuna forma di esistenza."

Recitava spesso il Fajr (la preghiera dell’alba) con la stessa abluzione dell’ `Isha (la preghiera della notte), indicando che non aveva dormito.

Una volta, mentre viaggiava con la sua famiglia, si ritrovarono senza acqua nel deserto nella strada per Hijaz. La sua famiglia era veramente assetata. Disse al suo servitore, 'Và e prendi un po’ d’acqua’ .Egli disse, "Oh mio Sheikh, come posso trovare acqua in questo deserto?" Chiese alla gente della sua carovana, se qualcuno avesse dell’acqua, ma nessuno ne aveva, tutte le borracce erano vuote. Quindi lo Sheikh prese un’oncia vuota e andò nel deserto per dieci minuti. Quando tornò l’oncia era piena e con essa dissetò la sua famiglia e tutta la gente della carovana. Quindi riempì tutte le altre once e borracce della carovana con quella sola oncia, e tornò alla sua famiglia con questa oncia piena come se non fosse mai usata.

Dai Suoi Detti

Egli disse:

"Ho ottenuto i tre livelli di santità: Annullamento (Fana'), Sussistenza (Baqa'), e Conoscenza Spirituale  (Ma`rifa). Ricevetti queste dalla presenza della Luce del Profeta, Sayyidina Muhammad C:\Documents and Settings\sabina cini\Documenti\biografie sufi\Abu Ahmad as-Sughuri_file\salla.gif, e ricevetti i Tre Stati di Perfezione e le Sette Realtà dal mio maestro, Sayyidina Jamaluddin al-Ghumuqi al-Husayni.
"L’orgoglio non entra mai nel cuore di una persona, ma è la sua mente che scende al livello in cui l’orgoglio è aumentato nel suo cuore."
"Le difficoltà possono toccare un credente, ma non intaccheranno colui che fa lo Dhikr."

La Sua Jihad

Era il vivificatore della Shari`a e della  Tariqa nel suo tempo e attrasse migliaia e migliaia di persone verso l’Islam e verso la Tariqat Naqshbandi.
Nel Daghestan era considerato sia uno Sheikh spirituale, che portava gli insegnamenti dell’Ordine Naqshbandi, e al tempo stesso, un grande guerriero, come l’Imam Shamil, perché si oppose ai Russi. Era la principale autorità religiosa dopo la partenza Sayyid Jamaluddin. L’esercito russo lo fece prigioniero svariate volte. Una di queste, quando lo fecero prigioniero, lo misero in una carrozza per portarlo via. Tutta la gente del suo paese venne a dargli l’addio. Piangevano come se avessero perso i loro cuori. Sedette in silenzio sulla carrozza, cercando qualcuno tra la folla. L’uomo che conduceva la carrozza, incitava i cavalli con il frustino, ma questi non si muovevano. Sayyidina Abu Ahmad as-Sughuri disse, "Perché picchi i cavalli?" Egli disse, "Li picchio per farli muovere." Egli disse, "Non si muoveranno, finché non ordinerò loro di muoversi. Sono sotto i miei ordini. E stò aspettando qualcuno."

Restarono seduti per molte ore, finché un uomo venne di corsa tra la folla. Era un ufficiale russo. Sayyidina Abu Ahmad gli chiese, "Non sei tu il figlio del mio amico Ahmad? Perché non sei nell’esercito russo? Sei del Daghestan. Non devi stare nell’esercito che uccide musulmani." Poi gli disse, "Devi lasciarli e ascoltare noi." Egli disse, "Sì, mio Sheikh, vi ascolterò." Egli disse, "Certamente ci ascolterai, perchè gli animali selvaggi nella foresta ci ascoltano quando andiamo là a fare dhikr. Anche questi cavalli ci ascoltano e non si muoveranno, se non per mio ordine. Tuo padre è un grande Sheikh e ti dico che devi lasciarli. Sarai un santo. Oh figlio mio, non abbandonare la gente della conoscenza essoterica, né quella della conoscenza esoterica. Guarda quel cimitero e non dimenticarti che un giorno sarai sepolto là." Immediatamente quel giovane ufficiale si tolse l’uniforme e prese iniziazione dallo Sheikh. L’esercito mise anche lui in prigione. Quindi Sayyidina Abu Ahmad as-Sughuri disse, "Adesso potete muovervi" e i cavalli si mossero.
Allah e il Profeta C:\Documents and Settings\sabina cini\Documenti\biografie sufi\Abu Ahmad as-Sughuri_file\salla.gif lo amavano per la sua sincerità e lealtà. Il suo Sheikh era molto contento di lui, e il suo villaggio lo aveva a cuore. Ogni volta che veniva rilasciato dalla prigione, la sua casa era colma di ospiti e provviste.
Gli chiesero, "Tu non lavori, i russi sono contro di te e tu sei un combattente, come è possibile che la tua casa sia sempre piena di provviste?’ Egli disse, “A chiunque stia lottando sulla via di Dio, Allah donerà ciò di cui avrà bisogno.

Ed è ciò che Allah disse nel Corano,

"Ogni volta che Zakariyya entrava nella sua stanza, la trovava piena di provviste" [3:37].

La Sua Morte

Morì a Sughur il 17 di Rabi'ul-Awwal nell’anno 1299/1882 DC. a 93 anni.

Molti anni dopo la sua morte, la figlia lo vedette in sogno. Egli le disse, "Oh figlia mia, la pietra della mia tomba è caduta e si trova sul mio petto, mi opprime e mi fa male." Il giorno seguente la figlia andò dagli Sheikh della città, narrando quel sogno. Raccontò il sogno a tutti quelli che incontrava. La gente credette al sogno e si recò rapidamente ad aprire la tomba. Trovarono che la pietra che ricopriva il suo corpo era caduta, e che le mura della tomba erano crollate attorno a lui. Trovarono il corpo pulito e immutato. Il sudario ancora bianco, come se fosse stato seppellito il giorno stesso.

Rimossero il corpo, riscavarono la tomba e lo deposero nuovamente. Tutti furono sorpresi di come egli apparse in sogno e avesse parlato alla figlia della situazione della sua tomba. Più sorprendente tuttavia era la condizione perfetta del suo corpo. Dopo aver visto ciò, presero tutti bayat con il suo successoreh Sayyidina Abu Muhammad al-Madani.

Sayyidina Abu Ahmad as-Sughuri ebbe due khalifa: Abu Muhammad al-Madani e Sheikh Sharafuddin ad-Daghestani. Il segreto della Catena d’Oro passò al primo, e dopo la sua morte, al secondo.


Il Sacro Corano | Il Profeta | Discorsi | Ascolta lo dhikr | Bibliografia | Link
Foto | Appuntamenti | Download | La preghiera |I segni dell'Ora |


IL SUFISMO